Blog

Lutto e trauma nei bambini

La perdita di una persona amata è una delle cause di maggiore dolore, è fonte di tormento e angoscia e può portare a credere che soltanto il ritorno di quella persona potrebbe portare conforto.

Pensiamo che i bambini non provino la stessa intensità di dolore degli adulti, ma non è affatto così.

Spesso i bambini hanno bisogno che siano gli adulti a trovare le parole per descrivere ciò che loro non riescono a trasformare in discorso. Un bambino che soffre, ma che non riesce a trovare il modo di dirlo, lo manifesta solitamente nel comportamento.
I bambini provano sentimenti molto intensi e non seguono delle fasi come negli adulti. Questo per il diverso sviluppo cognitivo e per la presenza di maggiori meccanismi di difesa che portano il bambino a staccarsi più velocemente dagli eventi dolorosi per non soffrire troppo. Le emozioni che ritroviamo più spesso in questi casi comprendono tristezza, ansia (manifestata con comportamenti iperattivi, inquieti o aggressivi), colpa, rabbia, vulnerabilità e insicurezza, isolamento, disturbi della condotta, disturbi del sonno, dell’attenzione, di concentrazione, regressione, sintomi psicosomatici.

Non è possibile elaborare completamente un lutto senza la presenza di un’altra persona (Bowlby, 1973); per questo bisogna aiutare il bambino a trovare un linguaggio per raccontare “l’amore perso”.

È sicuramente importante raccontare come si sentiva quando amava ed era amato dalla persona che non c’è più, non parlarne lo impoverirebbe emotivamente.

Il suo amore ha bisogno di trovare una voce, così come il suo dolore.

I genitori o le persone di riferimento che si occupano del bambino possono fargli capire quanto è stato fortunato ad aver vissuto una relazione profonda con qualcuno che rimarrà per sempre come un tesoro nel suo cuore e continuerà a riscaldarlo profondamente nell’animo. Un amore che non si esaurirà mai anche nella scomparsa.

Per favorire la separazione è utile sostenere il ricordo di eventi positivi che hanno legato il bambino e la persona scomparsa così il bambino ha la possibilità di introiettare l’eredità spirituale e affettiva lasciata dalla persona scomparsa.

Costruire un senso di continuità tra passato e presente permette al bambino di avere maggiore coerenza e linearità con il proprio mondo interno ed esterno. Mostrare ai bambini le proprie emozioni rispetto come viviamo il lutto è importante, in quanto consente loro di imparare che questi hanno un inizio, una durata ed una fine.

Situazione ancora più complessa è quando il bambino subisce la morte di un genitore. L’esperienza provoca sempre un trauma. Se la morte è improvvisa per esempio a causa di un incidente o di una malattia, il bambino oltre a reagire alla morte del genitore può sviluppare ansia nei confronti del genitore sopravvissuto o dei famigliari stretti.

Anche i lutti subiti dai genitori, quindi indiretti per il bambino, influenzano la relazione d’attaccamento che il genitore ha con il proprio figlio e per questo i genitori vanno supportati nell’elaborazione del lutto, in modo che la relazione d’attaccamento possa stabilirsi correttamente.

Un lutto essendo traumatico può determinare un disturbo post traumatico da stress.

Quando in famiglia avviene qualcosa di così traumatico come una morte è impossibile nascondere la realtà o posticipare la sua comunicazione. Il bambino capisce subito cosa sta succedendo da tutta una serie di segnali indiretti come l’espressione del volto dei genitori, i cambiamenti nelle abitudini quotidiane della famiglia, dall’emotività elevata che costantemente ed inevitabilmente emerge. La notizia della morte dovrebbe essere comunicata dai genitori o dal genitore sopravvissuto e dovrebbe essere fatto il prima possibile. I bambini infatti hanno necessità di due cose fondamentali: potersi FIDARE e conoscere la VERITÀ.

Gli effetti più disturbanti in queste situazioni sono dati dalla sensazione di non capire cosa stia succedendo. Questo crea molta confusione e insicurezza nel bambino, che tenterà di gestire attraverso delle personali interpretazioni la realtà. I timori inizialmente riguardano di solito il pensiero di aver causato l’evento, che la stessa cosa possa capitare a lui o alla mamma/papà, e soprattutto il pensiero di chi si occuperà di lui. Comunicare la notizia in maniera adeguata: per aiutare il bambino a comprendere e rassicurarlo dalle sue paure è importante parlare subito con lui.

Bisognerebbe utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile per il bambino, ma chiaro e non ambiguo in modo tale che non si creino aspettative irrealistiche. Bisogna essere disponibili anche a rispiegare più volte i fatti, senza aggiungere dettagli irrilevanti e tentando di rispondere solo alle domande del bambino con esempi concreti e veritieri. Non utilizzare metafore o menzogne rispetto all’accaduto nel tentativo di rendere la comunicazione meno dolorosa, in realtà questo ha il solo effetto di creare confusione e sfiducia nel bambino. Fate attenzione al linguaggio del corpo che deve essere coerente con quello che dite e comunica molto di più delle parole stesse.

A seconda delle convinzioni religiose della famiglia si può dire che loro trovano risposta in quello che indica il loro credo.
Soprattutto è importante specificare al bambino che niente di quello che ha potuto fare o pensare ha avuto un ruolo nella morte, ne avrebbe potuto evitarla.

Sarebbe utile educare i bambini all’evento della morte prima che questa si presenti come evento traumatico nella sua vita. Si possono sfruttare occasioni come la morte di una pianta o di un animale per spiegare la morte come assenza di vita. Il bambino avrà così l’occasione di vivere un’esperienza che gli faccia capire che la morte è reale, definitiva, naturale e un’occasione per dire addio.

 

Bowlby J. (1973). Attachmnet and Loss: vol. 2 – Separation, Anxiety and Anger, London, Hogarth Press; trad. it. Attaccamento e perdita: vol. 2 – La separazione dalla madre, Torino, Bollati Boringhieri, 1978
Sunderland M. Aiutare i bambini a superare lutti e perdite. Erickson 2015
Verardo A. R., Russo R. Tu non ci sei più e io mi sento giù. Editore CSR – Roma